Sembrano quelle di ieri. E invece le foto delle bottigliette che fanno “bella” mostra di sè nelle nicchie del Battistero sono state scattate oggi pomeriggio. Esattamente 24 ore dopo le bottigliette sono ancora lì, e ad “impreziosirle” ora c’è anche un coloratissimo cerotto di Paperino su marmo rosa… 

Ora, è purtroppo evidente che viviamo in un periodo di inciviltà e maleducazione. E nessuno può prendersela per questo con chi ha il difficile compito di amministrare una città. Né si può pretendere che si sia così attrezzati da poter cogliere sul fatto gli ignoranti e idioti che si divertono a lasciare questi segni della loro intelligenza.

Però non è neppure ammissibile che nella Piazza più bella di Parma, i cui monumenti richiamano turisti anche dall’estero, per un giorno intero nessuno si preoccupi di compiere o far compiere un giro di ispezione, alla polizia municipale o ad altri incaricati del Comune.

Che cosa avrà pensato questa comitiva di turisti francesi girando l’angolo del monumento antelamico?…

battistero turisti francesi.jpg

Lo scrivevo stamattina e lo ripeto: non dico e non penso che una bottiglietta o un sacco di rifiuti fuori posto siano di importanza primaria. In passato abbiamo avuto amministratori che hanno fatto danni ben peggiori, e non sempre li abbiamo criticati per tempo e a dovere.

Però questo non è un luogo qualsiasi: è il simbolo di Parma, è il luogo che ci rende celebri appunto in Francia e in tante altre parti del mondo. E una città che non provveda immediatamente a proteggere e salvaguardare il suo tesoro più prezioso dalla maleducazione (altrui) e dalla sciatteria (propria) non può certo ambire ad essere riconosciuta una Capitale della Cultura…