E’ arrivato un acquedotto carico di… Acqua, direte voi: e in effetti ce n’è tantissima, in quel fungo che non si può andare a vedere ma che tutti vedono da fuori passando dalla vecchia Barriera Bixio.

No: è arrivato un acquedotto carico di…foto ! E nell’assolatissima estate parmigiana, ci si trova lì davanti alle 18 in gruppo nutrito ma anche un po’ carbonaro: come quei giochi di bambini in cui si va all’avventura e alla scoperta di luoghi un po’ affascinanti e un po’ pericolosi.

Ci guida un fanciullo che ancora non vuole smettere di stupirsi e stupire, che è poi stata ed è la sua cifra di giornalista: Antonio Mascolo, uno degli ultimi cui non si potrebbe adattare quella sua stessa foto che, simulando un 1922, ricorda a Balbo di non aver passato la Parma. Lui ha passato la Parma e anche il Panaro, e il Tevere per progettare a Roma la prima Repubblica del web e solo del web, tornando a Parma per realizzarla. Formidabili quegli anni, con tante riflessioni che tuttora sarebbero preziose per cittadini e politici ducali.

E una volta finita quella avventura, eccolo Peter Pan d’Oltretorrente, in un gioco – che in realtà è una delle più serie e intelligenti inchieste giornalistiche  viste a Parma da tempo – che prima è post quotidiano su facebook, poi è libro ed oggi è territorio. OTR (l’Oltretorrente come patria) sta già figliando un nuovo filone a San Leonardo, insieme all’arch. Costi, ma intanto trova questo guizzo impensabile in piazzale Barbieri.

Così, eccomi 60enne a varcare per la prima volta la porta di quel “fungo” sotto cui siamo tutti passati mille volte. E mentre l’acqua la “vediamo” solo attraverso rumore e umidità, gli scatti d’Oltretorrente anche inediti ci stanno davanti nella più insolita delle mostre. La città che entra dove la città non è mai entrata e lì racconta per immagini un pezzo di città: quello che parte dallo splendido scatto di Corridoni per poi passare dal Parco Ducale e concludere proprio con la scala dell’acquedotto, che è sopra le nostre teste con divieto di accesso per motivi di sicurezza, ma che mostra finalmente soddisfatta la sua bellezza celata a noi per decenni.

Geniale.