Giugno 2013 – Un nuovo Rettore

L’Università di Parma volta pagina. Dopo un duello alle urne senza storie con Ivo Iori, il direttore di Medicina Loris Borghi è il nuovo rettore.  Succede a Gino Ferretti che ha retto l’Ateneo per 13 anni, e promette una gestione collegiale. (La foto è tratta dal sito ufficiale dell’Università di Parma, unipr.it)

Non ci sarà invece bisogno di voltare pagina al Parma calcio. Dopo una lunga serie di voci e ipotesi

(in particolare quella che lo vorrebbe sulla panchina del “suo” Milan). Roberto Donadoni ribadisce con un comunicato ufficiale: “Resto al Parma: qui mi trovo bene”.

Niente sigilli. Era probabilmente l’ultima battaglia (giuridica) nella lunghissima guerra all’inceneritore: ma ora la Cassazione chiude la vicenda, dichiarando inammissibile il ricorso della Procura che chiedeva il sequestro nell’ambito dell’inchiesta contro 13 amministratori e dirigenti per presunti abusi d’ufficio e abusi edilizi. E nel braccio di ferro che ha contrapposto Comune ed Iren, ora è l’azienda a riproporre lo spettro del risarcimento di 28 milioni chiesto al Comune per le ordinanze dell’estate 2011 (giunta Vignali) che avevano bloccato i lavori, ma che poi il Tar aveva giudicato illegittime. A fine mese, però, ecco un altro bastone fra le ruote: la Conferenza dei servizi chiede a Iren il certificato di agibilità, che però ancora non è stato prodotto. Nel frattempo, davanti all’impianto di Ugozzolo va in scena una residua e non affollatissima manifestazione degli irriducibili “No termo”, fra i quali l’avvocato Arrigo Allegri che annuncia di avere presentato in procura l’esposto numero 17 con un impianto che “in queste condizioni non può partire”.

Nella crisi generale dell’economia, anche l’export continua a calare. Dopo il rallentamento del 2012, il primo trimestre 2013 segna un -0,8%  rispetto all’anno precedente: ci salva l’alimentare (in particolare pasta e salumi), mentre flettono impiantistica alimentare e meccanica. Un dato che, almeno nelle percezioni dei non addetti ai lavori, in qualche modo si affianca a quello delle 250 imprese cinesi ormai impiantate nel nostro tessuto provinciale: una concorrenza micidiale per negozi e aziende di casa nostra, in quanto dotata di un pacchetto di liquidità, orari di lavoro e costi che sembrano quasi di un altro pianeta.

A fine mese, una tragedia in montagna fra i monti dell’Ortles, sul Gran Zebrù. Di Matteo Miari e Michele Calestani resta un ultimo quasi beffardo scatto fotografico: è il sorriso sulla vetta, insieme a tre amici. La morte li coglierà durante la discesa, facendoli precipitare in cordata con un alpinista novarese per quasi 500 metri.

Da un tragico evento, l’omicidio di Carlo Mazza, era stata segnata la vita di Katharina Miroslawa, l’affascinante ballerina polacca protagonista di questo lunghissimo e controverso giallo concluso con la sua condanna a 21 anni. Ma oggi quella pena è conclusa: per Katharina a Venezia è il primo giorno della nuova libertà. I suoi obiettivi? Scrivere un libro sulla sua vicenda, dedicarsi alla produzione di borse imparata in carcere e soprattutto arrivare alla revisione del processo per vedere riconosciuta “la mia innocenza”.

………………………………

Flash

3 – Libero dopo 5 mesi: per l’ex capogruppo Pdl in Regione Luigi Giuseppe Villani arriva la revoca dei domiciliari. Ma non potrà dimorare a Bologna, dove le mancate dimissioni da consigliere regionale secondo i giudici comportano rischio di recidiva.

5 – Venduta la villa di Francesca Tanzi, per un milione e 200 mila euro. Circa la metà rispetto alla prima asta che aveva aperto, due anni prima, i tentativi di vendere il rustico di strada Fontanorio nell’ambito delle vicende collegate al crac Parmalat.

6 – Rubano anche i giochi dei bambini all’asilo. Raid alla scuola materna di Beneceto: il bottino? Un trattore, una automobilina e una moto…

16 – Allarme vocazioni: l’ultima ordinazione risale al 2011. E il 60% dei sacerdoti è ultrasettantenne.  Per il vescovo Solmi è “un momento di dolore acuto: fermiamoci a pensare dove stiamo andando”.

16 – Nuova critica a Federico Pizzarotti per il suo comportamento all’interno del M5s. Ma questa volta l’accusa è, al contrario del solito, quella di essersi “piegato a Grillo e Casaleggio”. A dirlo è Valentino Tavolazzi: il primo degli espulsi di Grillo, ma anche il primo papabile alla carica di direttore generale del Comune di Parma, ipotesi tramontata – si disse allora – proprio per le pressioni dei vertici del Movimento.

18 – Colpo di calciomercato: arriva al Parma “Fantantonio” Cassano, in uno scambio con l’Inter cui viene ceduto Belfodil

21/23 – Oltre 570 scosse di terremoto in tre giorni nella vicinissima Lunigiana. E quella con magnitudo 4.4 viene avvertita nettamente anche a Parma e in buona parte della provincia.

22 – Cinque stelle per Parma. Ma stavolta non c’entra la politica: apre in strada del Quartiere l’hotel superlusso Pacchiosi, ricavato nell’ex padiglione Vighi che ospitò a lungo chirurghi e clinici ospedalieri.

23- Ucciso in tangenziale da un’auto contromano.  Muore così il 33enne Alessandro Mari, nello scontro inaspettato con una Renault, guidata da un romeno in stato di ebbrezza.

25 – Petrolio sul primo Appennino? La Regione autorizza scavi nella zona di Monte Ardone, alla ricerca di idrocarburi. Una notizia che scatena preoccupazioni e reazioni delle associazioni ambientaliste.

25 – “Fu killeraggio politico contro di me”. Lo dice Giampaolo Lavagetto, dopo avere acquisito dal Comune una relazione sulla vicenda delle maxibollette, che esplose proprio all’indomani della sua candidatura a presidente della Provincia. Una vicenda con strascico giudiziario in corso, che Lavagetto ora attribuisce ad un insieme di “disguidi tecnici” e di macchinazione politica all’interno del Pdl con coinvolgimento anche del Municipio.

25 – Approvato in Consiglio comunale il bilancio delle partecipate: Stt e Parma Infrastrutture assommano un debito di 42 milioni. 27 – Stolen Tax: è il “titolo” dell’ennesima inchiesta anti-corruzione che porta a 5 arresti con l’accusa di mazzette per non far pagare le tasse.

…………………………………………….

Leggi ancheIlcielodiparma con le puntate precedenti – I migliori ristoranti di Parma

Le 10 cose da non perdere a Parma – Il caso Guareschi – Parmateca

La storia completa dei 12 mesi che hanno portato alla prima clamorosa elezione di Federico Pizzarotti è nel mio libro “Il ducato 5 stelle”: lo trovate ancora alla libreria Mondadori in Ghiaia o tramite la casa editrice Fedelo’s

…………………………………………………

P.S. – Nel nostro racconto incontreremo vicende giudiziarie in ordine cronologico: ovviamente, per ogni singolo caso il racconto può essere parziale e dovrà poi essere aggiornato nel tempo con i successivi sviluppi o gradi di giudizio. Per ogni eventuale imprecisione, ovviamente resto comunque a disposizione per le segnalazioni dei lettori. (g.b.)