Search

ilcielodiparma

Un blog parmigiano senza pretese e senza bandiere

Author

parmabilly

Nato a Parma 5-6-1958. Giornalista nel gruppo Gazzetta di Parma per 41 anni (carta, radio-tv, ancora carta e infine web). In pensione dal 1° luglio 2016

Palaponti, Parma bella

La Parma del Palaponti è una Parma bella. Efficienza, organizzazione, senso di squadra e sorrisi:

Continue reading “Palaponti, Parma bella”

Parma 20-20: la città dei ragazzi e il loro (e il nostro) disagio

Sarebbe presuntuoso e inutile azzardare letture dell’omicidio di via Volturno, dove si intrecciano storie personali e un contesto che da fuori non si può conoscere. E sarebbe stupido e triste se la politica affrontasse anche questa tragedia con i toni da stadio ormai di ogni dibattito, come se il tema potesse assomigliare a una tassa o allo stadio o a una decisione sulla viabilità… No:

Continue reading “Parma 20-20: la città dei ragazzi e il loro (e il nostro) disagio”

Il giuoco del calcio. Con la u di utopia

Quelli della mia età le ricorderanno. Le telecronache di Nicolò Carosio e Nando Martellini ogni tanto proponevano la parola “giuoco”. Con la u: un arcaismo poi pian piano scomparso, salvo essere a volte ripreso – per vezzo – da Silvio Berlusconi al suo arrivo alla guida del Milan. Me non è scomparsa solo la u…

Continue reading “Il giuoco del calcio. Con la u di utopia”

Pande-mia

C’è solo una cosa che forse mette d’accordo in questo momento tutti gli italiani: la stanchezza, insieme alla voglia che tutto finisca. Poi c’è la sensazione e tentazione bartaliana del tutto sbagliato tutto da rifare: ma qui

Continue reading “Pande-mia”

Arrigo Sacchi: l’Utopia dentro il pallone

“Forse ai giocatori voglio più bene io”. E’ una delle più orgogliose delle provocazioni (nell’intervista di ieri alla Gazzetta dello sport) di Arrigo Sacchi, oggi 75enne: storia di calcio ma non solo. Ma andiamo con ordine…

Continue reading “Arrigo Sacchi: l’Utopia dentro il pallone”

Madonnina parmigiana

Ci sono piccole storie che dicono tante cose su una città, su chi la abita, su chi la governa… Ad esempio la vicenda della Madonnina della Cittadella

Continue reading “Madonnina parmigiana”

La Primavera di Parma è sbocciata a Moletolo. Ora deve fiorire per tutti.

Ci si arriva con emozione ma anche, inutile negarlo, con apprensione. Ed è bello che la prima rassicurazione porti il nome (che mi fa ricordare anche il suo sorriso e la costante gentilezza con il giovane cronista che ero allora) di Ernesto Ceresini, al quale è intitolato il Centro sportivo polivalente di Moletolo del quale per la prima volta vedo il “PalaPonti”. E’ qui che

Continue reading “La Primavera di Parma è sbocciata a Moletolo. Ora deve fiorire per tutti.”

Quell’Angiolén ci invita alla fiducia

A vederlo così, lontano eppure stagliato su uno splendido tramonto, sembra davvero il simbolo di questo momento che ci separa di nuovo da tante cose belle. Ma allo stesso tempo quell’Angelo simbolo della città

Continue reading “Quell’Angiolén ci invita alla fiducia”

Tommy: la notte più buia, la lezione d’amore più grande

Il verde e l’azzurro che da sempre si fondono nel cielo di Tizzano e nel silenzio del piccolo cimitero, i pupazzetti, quel sorriso in foto… Qualche giorno fa, quando la neve imbiancava beffarda il nostro Appennino e le piste interdette dal virus, sono tornato da Tommy. Quindici anni dopo quel 2 marzo.

Continue reading “Tommy: la notte più buia, la lezione d’amore più grande”

Powered by WordPress.com.

Up ↑