Search

ilcielodiparma

Un blog parmigiano senza pretese e senza bandiere

Category

Parmabella

Le penombre di Santa Croce: sconosciuto tesoro sotto i nostri occhi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una visita guidata, scoperta per caso e carica di emozioni. Siamo a barriera Santa Croce: uno dei luoghi più trafficati di Parma anche per i pedoni, dagli studenti universitari dei Paolotti a chi si sposta in o da Oltretorrente. Ma quasi mai ci si ferma in quel piazzale  Continue reading “Le penombre di Santa Croce: sconosciuto tesoro sotto i nostri occhi”

L’arcobaleno più bello dello sport di Parma

Certo: sappiamo tutti che oggi è il giorno di Cristiano Ronaldo e della sfida che torna al Tardini fra il Parma e la fortissima Juventus. E chissà che anche stavolta la data di oggi non entri nella storia e nell’olimpo delle imprese del calcio. Ma prima, questo 1 settembre è la festa e il ricordo dell’arcobaleno più bello dello sport di Parma: il mondiale di ciclismo conquistato nel 1968 da Vittorio Adorni.  Continue reading “L’arcobaleno più bello dello sport di Parma”

E noi chiudiamo in faccia ai francesi una meraviglia simile…?

Sabato sera d’estate, quasi mezzanotte. Il traffico della Massese corre via sempre troppo veloce (e se giustamente ci lamentiamo dei mancati interventi per Genova, non è altrettanto assurdo che si possa ancora correre senza che nulla sia stato fatto dopo la morte di un ragazzo 17enne più di un anno e mezzo fa?). Ma se ci si ripara nella strada interna che porta alla piazza di Torrechiara, tutto si fa silenzio. E magìa…  Continue reading “E noi chiudiamo in faccia ai francesi una meraviglia simile…?”

Salvarani: una storia a due facce, che ha ancora tanto da insegnare

fb

E’ una storia di parte, come l’autore onestamente dichiara. Di parte e di affetti, perchè è un figlio che racconta del padre e della sua singolarissima parabola industriale. Ma è soprattutto un libro importante, che Giovanni Salvarani ha fatto benissimo a scrivere e che ha tanto da insegnare a chi non ha vissuto o non conosce quella storia.  Continue reading “Salvarani: una storia a due facce, che ha ancora tanto da insegnare”

“Occupiamo l’Università”. E 50 anni fa anche a Parma accadde un Sessantotto: i ricordi di Roberto Taverna

sessantotto parma corteo foto CSM

Valle Giulia era già passata da quasi un mese, con gli scontri all’Università di Roma e la celebre poesia di Pasolini (“Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte / coi poliziotti,  /
io simpatizzavo coi poliziotti”); il Maggio francese era ancora lontano e ancor più lo era l’evento che avrebbe caratterizzato nel modo più clamoroso il Sessantotto di Parma: l’occupazione della Cattedrale che avvenne in settembre.  Esattamente 50 anni fa, tra il 24 ed il 25 marzo, scattò invece il “Marzo parmigiano”, con la decisione e poi l’attuazione della prima occupazione dell’Università, istituzione al centro della protesta dei giovani che avrebbe contagiato mezzo mondo e sarebbe passata alla storia come “Il Sessantotto”. A mezzo secolo di distanza, abbiamo contattato uno dei protagonisti di quei giorni: Roberto Taverna, che allora venne indicato come il leader del Movimento parmigiano e che da anni vive lontano da Parma. Ecco il testo della nostra “chiacchierata” a distanza: un’intervista realizzata via mail e che credo contenga tanti spunti interessanti per ricostruire il clima di quei giorni. E, se posso aggiungerlo, credo che contenga soprattutto nelle parole finali una passione ed un senso di aspirazione che, comunque la si pensi su quell’epoca, dovrebbe forse contagiare tanti giovani e tanti adulti del terzo millennio:  Continue reading ““Occupiamo l’Università”. E 50 anni fa anche a Parma accadde un Sessantotto: i ricordi di Roberto Taverna”

Il Guareschi di Guido Conti: una vita da romanzo. E Parma cosa fa per il 50°…?

Cattura

C’è il Guido Conti più noto: lo scrittore di romanzi e racconti collocato stabilmente fra i protagonisti della letteratura italiana a cavallo del Duemila. Poi c’è un Guido Conti che, memore anche della lezione di Tondelli, ha diffuso cultura con la sua attività di direttore della Mup e con la rivista Palazzo Sanvitale.

Ma c’è anche un Guido Conti bravissimo a raccontare le vite degli altri. Lo avevo conosciuto in questa veste tre anni fa, quando si era cimentato con la sfida di descrivere un mondo a lui quasi sconosciuto (quello del calcio) e un personaggio che in quel mondo era immerso: Arrigo Sacchi. E qui Guido  Continue reading “Il Guareschi di Guido Conti: una vita da romanzo. E Parma cosa fa per il 50°…?”

I Boys lanciano il loro “derby” più bello: raccolta fondi per Lentigione

Cattura

(g.b.) – Per una volta, le opinioni prima dei fatti: la notizia la trovate qui sotto. Ma oggi è giusto farla precedere da un applauso, perchè questa volta i Boys che passano il confine con la “nemica” provincia reggiana non lo fanno per rivalità calcistica ma per solidarietà. E questa volta (lo dice uno che poche settimane fa non aveva mancato di criticare un loro striscione) quella della Curva Nord è una iniziativa da prima pagina: una iniziativa da veri sportivi e da veri parmigiani. Ecco il testo del comunicato pubblicato dai Boys Parma 1977 sul loro sito:  Continue reading “I Boys lanciano il loro “derby” più bello: raccolta fondi per Lentigione”

Benedetto Antelami, il primo gigante della nostra Arte

Cattura

La Deposizione nella Cattedrale, il Battistero, le opere di Fidenza e Cremona… E’ un vero gigante del Medioevo, quel Benedictus Antelami che firma la scultura del 1178 nel nostro Duomo e intorno a cui si avvolge una attività che ha segnato tre Cattedrali (e forse anche altre opere a Vercelli a Milano) e che soprattutto alla nostra città ha lasciato un’eredità di enorme valore.  Continue reading “Benedetto Antelami, il primo gigante della nostra Arte”

La storia più bella raccontata dalla penna più fine: un viaggio sulla strada di Padre Lino con le parole di Giorgio Torelli

IMG_2098

Quel viso ad angoli, quel “bazlòn” (il mento prolungato), quei sandali che sembrano non voler mai toccar terra nel loro correre per la città. Già solo a vederlo in monumento, alla Villetta circondato anche in questi giorni dai fiori o in piazzale Inzani  nel suo Oltretorrente, Padre Lino vive.   Continue reading “La storia più bella raccontata dalla penna più fine: un viaggio sulla strada di Padre Lino con le parole di Giorgio Torelli”

Powered by WordPress.com.

Up ↑