Search

ilcielodiparma

Un blog parmigiano senza pretese e senza bandiere

Category

Senza categoria

Se oltre ai ponti precipita la nostra umanità

fb

Nel giorno più vacanziero e spensierato è difficile staccare lo sguardo e i pensieri da Genova, da una tragedia così grave e così avvinta alla quotidianità delle persone: come un attentato, anche se qui al posto della crudeltà umana è incomprensibile la trascuratezza di chi evidentemente non ha fatto tutto il proprio dovere. Ma se è impossibile non essere coinvolti dalla tristezza per la tragedia, un malessere analogo mi arriva da ieri seguendo su facebook – accanto alle notizie e agli aggiornamenti – il fluire sempre più avvilente delle nostre reazioni e dei nostri commenti. Sto leggendo di tutto:  Continue reading “Se oltre ai ponti precipita la nostra umanità”

I migliori ristoranti di Parma: 1) Cucina parmigiana tradizionale

Cattura

Se volete mangiare “parmigiano”, l’indirizzo più classico e sicuro è Cocchi, in viale Gramsci  (la via Emilia Ovest nel tratto di città) a fianco dell’Ospedale Maggiore, angolo via Abbeveratoia: tortelli d’erbetta, anolini in brodo, carrello dei bolliti, salumi da accompagnare magari con la tentatrice “torta fritta”… C’è anche il savarin di riso, il piatto che per decenni fece la storia e il “mito” del ristorante Cantarelli a Samboseto (che oggi non esiste più).

Altrettanto sicuro, ma appena fuori città, è il ristorante I due platani. E’ in una frazione incollata a Parma (Coloreto) e ai piatti della tradizione parmigiana abbina alcune proposte più ricercate, eredità del lavoro svolto presso l’Ambasciata di Quistello. Con una citazione a parte per il richiestissimo zabaione.

PER SAPERNE DI PIU’/PER PRENOTARE:

Cocchi: Gazzetta di Parma – Michelin – TripadvisorSitoFacebookGoogle e Telefono

I due PlataniGazzetta di ParmaMichelin – Tripadvisor – Reportergourmet – FacebookGoogle e Telefono

Se questi sono probabilmente i due indirizzi migliori, c’è comunque una schiera di piccoli ristoranti e trattorie in città o appena fuori che garantiscono un incontro soddisfacente con la cucina parmigiana più tradizionale

(La foto è un particolare tratto dal sito del ristorante Cocchi)

Il nostro social-ciapanò quotidiano

facebook-2661207_960_720

Non era ancora arrivata, ieri a metà pomeriggio, la sentenza sul Parma calcio. Ma su facebook qualcuno che sentenziava c’era già: “Ma quell’avvocato è del Parma o lavora per Zamparini?” scriveva un “tifoso”. Probabilmente di quelli che settimane fa contestavano la strategia della società (“Deve cominciare a querelare e non starsene zitta!”), probabilmente uno di quelli che in primavera “se non cacciano D’Aversa non andremo neppure ai playoff”…  Continue reading “Il nostro social-ciapanò quotidiano”

Torelli e Goldoni: gemelli diversi, riletti a distanza

IMG_0276.JPG

Per imparare il mestiere è ormai tardi. Ma continua ancora ad intrigarmi la congiuntura che vide per alcuni decenni Parma, che da capitale si atteggia spesso a sproposito, sfornare veri e propri fuoriclasse del giornalismo, formando quasi una formidabile Nazionale forse mai davvero celebrata a dovere.  Continue reading “Torelli e Goldoni: gemelli diversi, riletti a distanza”

Anna Maria

Cattura

Iniziavi a parlare con un sorriso. E con il sorriso finivi: sorriso bello, sincero, a volte un po’ amaro perché la vita non ti era sempre stata amica.

Adesso siamo proprio nel pieno dell’estate in cui di solito iniziavamo a sentirci per la solita pizza dei vecchi della tv, in cui i soliti racconti anche già sentiti e risentiti ci avrebbero fatto ridere come la prima volta e ci avrebbero scaldato il cuore perché in quelle storie c’erano la nostra vita e un lavoro che ci aveva uniti come raramente capita. Ma invece delle telefonate per sapere quando vederci, ci troviamo a scambiarci silenzi e messaggi inzuppati di lacrime e telefonate di pochi secondi, perché appena iniziamo a parlare di te poi non si riesce ad andare avanti. E sentiamo che ci è stato strappato qualcosa di grande e di bello che oggi muore per sempre in tutti noi.

Perché tu, Anna, non eri solo “una” di noi: così come eri stato il primo volto e la prima voce di quella Radio/Tv Parma, eri anche il volto del nostro stare ancora insieme, scherzare, volersi bene.

Quando nel 1980 siamo arrivati noi, quelli della Gazzetta, pareva che dovessimo venire a portare la professionalità vera e invece siete stati voi a insegnarci tutto. Da te, Claudia, Mauro, Betty, Graziella, Pia, Corrado abbiamo imparato le magie del fare radio e tv, ma soprattutto abbiamo imparato la differenza fra avere un po’di successo e farsi voler bene da un’intera città. E giorno per giorno siamo diventati un gruppo unico e unito per davvero, in cui si poteva anche litigare ma dopo cinque minuti sentivi la voglia di ritrovarsi alla macchina del caffè a fare pace. Ma non con te, con te era impossibile litigare: tu mai una parola negativa con nessuno, e nessuno ha mai potuto non volerti bene, anche se questa parola abbiamo iniziato a dircela solo negli ultimi anni, magari dietro il paravento di facebook e di un augurio di buon compleanno, o quando a riunirci sono stati Betty ed Ezio, troppo presto.

Qualcuno ha scritto in un commento una cosa che anch’io penso: nel tuo sorriso c’era anche il sorriso di una Parma diversa, più buona. Che assomigliava di più a una persona bella come te.

 

 

Quando una maglietta ci mette a nudo

Sarà perchè ero reduce da una giornata in mezzo a bellezze naturali, ma quando sabato sera e poi domenica mi sono letto il dibattito su Facebook (o almeno una parte) a proposito dell’iniziativa delle magliette rosse mi sono davvero cadute le braccia.  Continue reading “Quando una maglietta ci mette a nudo”

Eppur si muove

IMG_9415

I novemila per Morricone e il successo dell’intera manifestazione in Cittadella, il Terzo giorno elogiato anche a livello nazionale e simboleggiato da quella sfera dorata alla quale ci siamo ormai affezionati…e la Capitale della Cultura, e prima ancora la Creatività gastronomica Unesco… Solo il più fazioso degli avversari potrebbe negare questi successi a Federico Pizzarotti e alla sua giunta, che proprio in queste ore hanno celebrato il primo anniversario dell’elezione-bis.   Continue reading “Eppur si muove”

Salvarani: una storia a due facce, che ha ancora tanto da insegnare

fb

E’ una storia di parte, come l’autore onestamente dichiara. Di parte e di affetti, perchè è un figlio che racconta del padre e della sua singolarissima parabola industriale. Ma è soprattutto un libro importante, che Giovanni Salvarani ha fatto benissimo a scrivere e che ha tanto da insegnare a chi non ha vissuto o non conosce quella storia.  Continue reading “Salvarani: una storia a due facce, che ha ancora tanto da insegnare”

L’uomo che ci “guida” verso il futuro

Cattura

Ho voluto attendere gli articoli degli esperti che insieme a me avevano assistito alla conferenza stampa con dimostrazione concreta. E in particolare quello di Patrizia Licata, sul numero appena uscito del mensile “l’Automobile”:  a Parma c’è un luogo nel quale davvero si vive già nel futuro.  Continue reading “L’uomo che ci “guida” verso il futuro”

Powered by WordPress.com.

Up ↑